Agenzia investigativa. Investigatore privato. Investigazioni private
Agenzia investigativa. Investigatore privato. Investigazioni private

Cane che abbaia e infastidisce una sola persona è illecito civile.

Cane che abbaia

Cane che abbaia continuamente

Cane che abbaia: Sentenze della Corte di Cassazione

Cane che abbaia continuamente: se il rumore infastidisce una sola persona non vi è reato penale ma solo illecito civile, con risarcimento.

SEZIONE I PENALE

Sentenza 5 novembre 2007, n. 40502 [ Cane che abbaia ]

Con sentenza in data 5 dicembre 2006, il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto dichiarava D. F. e S. N. colpevoli del reato di disturbo al riposo delle persone (art. 659 c.p.), per non aver impedito al proprio cane di abbaiare in continuazione, nonché della violazione amministrativa di cui all’art. 672 c.p. per non aver custodito il cane suddetto con le dovute cautele; li condannava quindi alla pena di € 200 di ammenda ciascuno, oltre al risarcimento dei danni in favore della parte civile costituita Barresi Francesca.

Avverso tale decisione propone ricorso il difensore rilevando la nullità della sentenza di primo grado sui seguenti punti:

  • genericità della contestazione; [ Cane che abbaia ]
  • irritualità della costituzione di parte civile, avvenuta fuori udienza e senza le notifiche alle parti come prescritto dall’ art. 78 comma 2 c.p.p.;
  • mancata pronunzia del giudice sulle suddette questioni preliminari; [ Cane che abbaia ]
  • mancata notifica della violazione amministrativa di cui al capo B) in violazione di quanto prevede l’ art. 14 legge 24 novembre 1981 n. 689; [ Cane che abbaia ]
  • mancata ammissione di importanti mezzi di prova (i coniugi Anastasi – Campo);
  • mancato accoglimento della richiesta di assoluzione, fondata su una corretta valutazione degli elementi di prova raccolti (testi Barresi Francesca, che sarebbe stata smentita dal figlio Parisi Nunziato, Stagno e Giunta).

Con il secondo motivo si rileva la erronea valutazione delle prove, che avrebbero dovuto condurre alla assoluzione degli imputati. [ Cane che abbaia ]

Motivi della decisione

Il ricorso è fondato.

La contestazione presente nella sentenza impugnata riguarda:

  • capo A, la contravvenzione di cui all’art. 659 c.p. “perché non impedendo che un cane di loro proprietà abbaiasse in continuazione, disturbavano il riposo e le occupazioni di Barresi Franca”; [ Cane che abbaia ]
  • capo B, l’illecito amministrativo di cui all’art. 672 c.p. “perché non custodivano con le dovute cautele un cane di loro proprietà”. [ Cane che abbaia ]

In relazione alla contestazione di cui al capo A, si osserva che l’ art. 659 c.p. presuppone che l’ attività rumorosa sia potenzialmente idonea ad arrecare disturbo al riposo e alle occupazioni di un numero indeterminato di persone e non già di una soltanto, come risulta dal capo di imputazione. Sul punto, la giurisprudenza della Corte di legittimità è costante nel ritenere che “Il reato di cui all’ art. 659 cod. pen. (disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone) ha natura di reato di pericolo presunto; ai fini della sua configurazione, pertanto, non è necessaria la prova dell’ effettivo disturbo di più persone, ma è sufficiente l’i doneità del fatto a disturbare un numero indeterminato di persone. (In applicazione di questo principio la Corte ha censurato la decisione del giudice di merito che ha pronunciato declaratoria di non luogo a procedere in ordine al reato di cui all’ art. 659 cod. pen. sulla base della considerazione che l’ abbaiare del cane non disturbava tutti i vicini).” (Cass. Sez. I, 8 ottobre 2004 ric. P.G. in proc. Squizzato, RV 230643). [ Cane che abbaia ]

Il fatto che il disturbo sia reale che potenziale sia circoscritto ad una persona soltanto (nella specie, la parte civile Barresi Franca) non integra pertanto la fattispecie prevista dalla norma incriminatrice, potendo il fatto costituire, se del caso, un illecito civile da inquadrarsi nell’ ambito dei rapporti di vicinato (art. 844 c.c.), come tale fonte di risarcimento del danno, ma giammai assurgere a violazione penalmente sanzionabile.

Quanto alla ipotesi di cui al capo B, l’ art. 672 c.p. prevede la presenza di animali pericolosi (comma 1), ovvero di animali da tiro, da soma o da corsa (comma 2 n. 1), ovvero di animali aizzati o spaventati che mettano in pericolo l’ incolumità delle persone (comma 2 n. 2). Un cane lasciato chiuso in uno spazio aperto, ma recintato, che è solito abbaiare, non rientra in alcuna delle ipotesi indicate. Anche tale contestazione non trova riscontro nel caso di specie. [ Cane che abbaia ]

La sentenza impugnata deve essere pertanto annullata senza rinvio perché i fatti non sussistono.

♦ 

Molto altro potete apprezzare puntando la freccia del Vs. mouse sul tasto “GIURISPRUDENZA” qui in alto.

 Per preventivi telefonici su ogni tipo di investigazione e consulenza investigativa gratuita, anche riguardo alle investigazioni per documentare i disturbi della quiete provocati da un cane che abbaia continuamente, 
chiamate il titolare dell’ agenzia investigativa al 335 6661227. 

Licenza governativa, fin dal 1975, n° 1415/2012/BO – P. IVA 02486040377 – (53.000 CcA) –  info@investigazioniprofessionali.it 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Ogni pagina delle sezioni “Agenzie” ed “Investigatori” di questo sito promozionale, di proprietà dell’ investigatore privato Dario Caldelli, è dedicata ad una singola città e potrà essere ceduta in esclusiva ad un collega di quella  provincia, esperto e titolare di licenza governativa, il quale desideri così comparire davanti agli occhi delle tante persone che visitano questo sito perché cercano un investigatore privato nella zona di loro interesse, magari per documentare i disturbi della quiete provocati da un cane che abbaia continuamente. Il numero di tali utenti è indicato nelle ultime righe di ogni pagina locale. Per quanto invece riguarda questa specifica pagina, la ricerca “cane che abbaia” viene effettuata su Google da 178.000 persone/anno.  

Il sito “Agenzia investigativa OK” è collegato a:   

Agenzia investigativa A-Z detective“, “Agenzia investigazioni professionali“, “Agenzia investigativa Fe Ro Bo“, “Agenzia investigativa PD“, “Studio legale avvocati“.  

Sito e posizionamento su Internet by SITOPRIMAPAGINA.it: il tuo sito in prima pagina per le “chiavi di ricerca” più redditizie!  – N° verde 800 070333 – info@sitoprimapagina.it   

Qui per “cane che abbaia“.